Sono moltissimi anni che nel mondo non arriva un anno nuovo. Almeno nel mondo che conosciamo meglio e chiamiamo Occidente. Per i morti non c’è anno nuovo e forse non c’è neppure per il nostro Occidente. Quella che chiamano crisi non è altro che una gigantesca opera di rimozione: il mondo è simbolicamente morto, ma per non dircelo pensiamo che abbia bisogno di crescere. L’anno nuovo sarebbe tale se fossimo in grado di fare un felice funerale al nostro mondo.

C’è bisogno di una cerimonia ben più solenne del rituale scambio di auguri. Più che di un veglione, è necessaria una lunga veglia collettiva intorno all’agonia ciarliera del nostro Occidente. Un modo per raccontarci miserie e prodigi prima di inumarlo e cominciare a vivere senza di esso. Non sarà facile. Non c’è un altrove che sia già pronto. Manca il sentimento della cosa ulteriore o del futuro, ma è una mancanza apparente, il futuro arriva, arriva sempre. (...)

Un anno nuovo è possibile solo se ci muniamo di una nuova filosofia e di una nuova teologia.  Non è il nuovo governo la nostra salvezza, non è l’Europa delle banche, non è il circuito lavoro, stipendio, spesa. Dobbiamo seppellire la nostra presunzione di specie e aprire una stagione in cui prendiamo atto che c’è la peste. Questa peste possiamo chiamarla autismo corale. Non uccide, corrode i legami anche quando li alimenta. (...)

 

La società della comunicazione altro non è che una gigantesca mascherata per nascondere il fatto che non abbiamo niente da dirci, che non crediamo più agli altri e neppure a noi stessi. In un contesto del genere è veramente penoso vedere come la politica continua a restringere il proprio raggio d’azione spirituale. È un esercizio tecnico in cui il cinismo e la mediocrità vengono scambiati per atti eroici. Non abbiamo bisogno di politicanti che sanno di aria cattiva, che non amano la poesia, non amano i cimiteri, non sono interessati ai tramonti, ai grandi libri, ai gatti. Basta con gli untori dell’opinionismo, quelli che ogni stagione è sempre la loro stagione, quelli che anche con il sole c’è brutto tempo sulla loro faccia. (...)

Abbiamo bisogno di contadini, di poeti, di gente che sa fare il pane, di gente che ama gli alberi e riconosce il vento. Più che l’anno della crescita, ci vorrebbe l’anno dell’attenzione. Attenzione a chi cade, attenzione al sole che nasce e che muore, attenzione ai ragazzi che crescono, attenzione anche a un semplice lampione, a un muro scrostato, a una qualunque macchina che passa per strada.

Un anno nuovo sarebbe veramente tale se portasse la politica alla poesia e non la poesia alla politica. Invece avremo un po’ di fotoshop elettorale, con annesse penose trasmissioni televisive in cui si dice tutto tranne l’essenziale. (...)

Il mondo ha bisogno di essere amato e accudito, prima di essere pianificato o portato chissà dove. Oggi essere rivoluzionari significa togliere più che aggiungere, significa rallentare più che accelerare, significa dare valore al silenzio, al buio, alla luce, alla fragilità, alla dolcezza.

Dobbiamo accordarci dopo aver esplicitato i conflitti, dopo aver compreso che il mondo non è solo nostro e quello che facciamo pensando solo a noi stessi è una forma di suicidio.

Un anno nuovo è veramente tale se mettiamo a fuoco un nuovo modo di sentire e percepire. Assistiamo a una grande confusione non solo nel campo della politica, ma anche nell’universo sentimentale. Le donne uccise sono solo la punta di un malessere molto profondo che avvolge il nostro dare e avere nei rapporti con gli altri. Bisogna ristabilire un equilibrio nella dialettica tra egoismo e altruismo, tra cura di sé e cura dell’altro. Non si può usare il sesso come un ansiolitico. Non possiamo continuare a prenderci e lasciarci convulsamente in una sorta di mercato dei sentimenti in cui gli stracci e le stoffe preziose stanno alla rinfusa.  Dobbiamo imparare a stare soli e a farci compagnia .

 

Le nostre nevrosi troppo spesso sono l’unica maniera con cui riusciamo a raggiungere e a essere raggiunti dagli altri. Appena proviamo a farci del bene cadiamo nella noia. Solo il terribile pare in grado di svegliare la nostra agitata sonnolenza.

Ogni giorno dovremmo cominciarlo con piccoli esercizi di ammirazione, con piccoli esercizi di riabilitazione alla gioia. Istituire una sorta di capodanno tra un giorno e l’altro, tra un’ora e l’altra. Dobbiamo scendere molto in fondo a noi stessi e rimanere ben saldi in superficie assieme agli altri. Senza tenere insieme questi due movimenti non c’è intensità, non c’è bellezza. C’è solo una confusione inerte e il massacro di ciò che è lieve, lento, sacro, inerme. (...)

 

tratto da "Per tornare assieme nella casa del mondo" (manifesto per il nuovo anno) di Franco Arminio

(2017/2018, AnimaMundi Edizioni)

Altro in questa categoria: Presentazione del libro “Poeti e Prosatori alla corte dell’Es” a Milano » EduCare – Festival dell’Educazione III edizione » POESIA SENZA FINE di Alejandro Jodorowsky » PICCOLE GIGANTESCHE COSE nasce una nuova collana in casa AnimaMundi » POETI E PROSATORI ALLA CORTE DELL’ES » LA FERITA CHE CURA – Pisa 23/24 settembre » RI USCIREMO A RIVEDER LE STELLE » OFFF – OTRANTO FILM FUND FESTIVAL: cinema e territori » Tour in estremo Oriente degli Almoraima dal 21 agosto al 2 settembre 2017. » Almoraima al Babel Med Music 2017 » SKY BLIND / NAKED HEART di John du Feu » della morte e del morire » Lo STUPORE che può aiutarci » FARE ANIMA in educazione – Pisa 24 -25 Settembre 2016 » Resta qui e fai cantare il cuore nel profondo » SINE CORDE ballate salentine d’altro tempo – il nuovo album di VALERIO DANIELE » 01/04, Nardò – Dario Muci presenta in concerto Barberìa e canti del Salento vol. II » Christian Bobin – Folli i miei passi a 6,90 in promozione per la Festa delle donne » È uscito il nuovo lavoro di Dario Muci, Barberìa e canti del Salento vol. II (cd+dvd) » CHRISTIAN BOBIN – THE EIGHTH DAY of the week » CHRISTIAN BOBIN è uscito il nuovo libro “L’uomo del disastro – l’angelo, l’infanzia e Antonin Artaud” » Mamma sirena dell’Officina Zoè disco della settimana di Fahrenheit, Radio 3 » Dario Muci – Crowdfunding per “Barberìa e canti del Salento vol. 2” (cd+dvd) » Campagna crowdfunding – Christian Bobin » Christian Bobin tutti i Libri in Promozione 15% di sconto » È uscito il nuovo atteso album degli Almoraima, “Cafè cantante”. » Esce in dvd “Le storie cantate. Viaggio tra i cantastorie di Puglia” » Officina Zoè presenta “Mamma sirena”a Otranto il 3 Agosto 2015 » Venerdì 24 luglio, presso la libreria Feltrinelli di Lecce, AnimaMundi presenta l’album Katër i radës. Il naufragio » Admir Shkurtaj – il 30.06 esce Kater i rades, dalla Biennale Venezia al disco » CHRISTIAN BOBIN – il 20.06 esce “La vita e nient’altro” » Marco Poeta e Roberto Licci – il 30.06 esce Mia spitta no coração » MAMMA SIRENA, IL NUOVO ALBUM DELL’OFFICINA ZOÈ » TRE NUOVI LIBRI DI CHRISTIAN BOBIN TRADOTTI IN ITALIANO » È USCITO MARA L’ACQUA / AGAPISO / MALÌA LE ORIGINI 1993 – 1995 IL COFANETTO CON I PRIMI 3 ALBUM DEI GHETONIA »
Articolo precedente PICCOLE GIGANTESCHE COSE nasce una nuova collana in casa AnimaMundi
Prossimo articolo POESIA SENZA FINE di Alejandro Jodorowsky