Iniziative come questa vanno sostenute non perché sono CONTRO qualcosa: un festival, quello della Notte della Taranta, che nel tentativo di mediare la propria anima con la modernità ha radicalmente smarrito le proprie radici, quelle radici che voleva onorare e celebrare. Ma perché sono A FAVORE di qualcosa. Un ritorno della musica tradizionale alle proprie origini: la terra e la cultura contadina, senza rinunciare alla mescolanza con altri generi musicali ma mantenendone intatta l'autenticità. Non perdete questo appuntamento quindi, stasera 27 Agosto, alla Masseria Palmentelle (vicino a Lecce) se all'evento spettacolare Notte della Taranta preferite invece una misura più bucolica di rapporto tra la buona musica tradizionale, i musicisti, il cibo e la terra. La qualità del luogo e dei musicisti che animeranno questo appuntamento è garantita! Inizio ore 20. Noi saremo presenti con il nostro banchetto DI LIBRI, CD E DVDV assieme agli amici della rivista Terra Nuova di Firenze. 

Articolo precedente Doppio appuntamento: Dario Muci e Anna Cinzia Villani stasera a Martignano per il Festival "La notte della Taranta"
Prossimo articolo PERCHÉ DA NOI IL CANTO È RIMEDIO di Christian Bobin