Ancora lettere oggi, tutti i tipi di frasi, mescolate alle tue. A volte rispondo a volte no. E' come il telefono, suona lo guardo suonare. Ci sono giorni in cui non sono nel mio nome, nel mio sangue, nei miei occhi. Lascio che le lettere parlino, che il telefono strilli. È una questione di buonsenso. Posso rispondere soltanto alla presenza di me stesso. Non c'è nient'altro da fare quando non ci sono, quando la mano dell'angelo è sulla mia bocca.

- La vita e nient'altro (AnimaMundi Edizioni)

 

Commento di AnimaMundi:

Quanta profonda intelligenza in queste semplici parole. Sembra nulla invece è tanto. Che bel modo di accogliere l'anima e permetterle di non-fare. La nostra cultura teme il non-fare, è nemica dell'inefficienza. E proprio in questo modo si condanna a essere sempre più inefficiente e sterile nel profondo. Efficiente (o frenetica) in superficie, disfunzionale nel profondo. In questo modo tagliamo le nostre radici con l'anima, nella quale possiamo rinnovarci profondamente, acquisire visioni nuove, conoscere la direzione da dare ai nostri passi. È importante imparare a riconoscere quando non ci siamo, quando in noi l'anima è offuscata o assente e concederci di sentire, di abitare quel tempo dell'assenza, senza precipitarci immediatamente nel fare, nel relazionarsi, nel cercare infiniti modi di evadere. Di solito se accettiamo di attraversare le nostre assenze, quasi sempre come per miracolo una rinnovata energia giunge a sollevarci, a ispirarci, a guidarci. Ciò che sorge quindi da una temporanea chiusura agli altri e al mondo accolta è il dono della nostra presenza, del tornare abitati. Un dono grande che facciamo a noi stessi e per riflesso a chi ci sta vicino. 

 

 

Commento di una lettrice:

E' un angelo a chiudere le sue labbra, e perciò si tratta di un silenzio sacro, che apre a un ascolto sovrasensibile. L' angelo porta il messaggio dell'io più autentico, è la forma incorporea perfetta di ogni singolo essere individuale.  Qui si parla non di assenza ma di una presenza 'altra' capace di astrarre dal mondo orizzontale della comunicazione mondana, di cancellare momentaneamente l'identità sociale, di sospenderla per rinnovarla a un livello più alto. Bobin distingue, lo chiama buonsenso,  tra due chiamate, quella che arriva dall'esterno e quella che irrompe dal profondo e sa metterle al loro posto nella scala dei valori. La dispersione nevrotica nel molteplice non gli appartiene, non ha sensi di colpa, semplicemente sa che non è il momento, che è impegnato altrove, nel faccia a faccia con se stesso.

Carla

 

 

 

Altro in questa categoria: Novità * LA VITA GRANDE di Christian Bobin » In uscita il nuovo libro di Christian Bobin “Più viva che mai” » Sforzarsi senza tregua… da Autoritratto al radiotare di Christian Bobin » Illumina ciò che ami senza toccarne l’ombra – Christian Bobin » amare colui o colei che ti sta davanti per quello che e`: un enigma – da “Autoritratto al radiatore” di Christian Bobin » Non so dove, non so da cosa o da chi, ma sono sicuro di essere atteso – Christian Bobin » Le sante che ho conosciuto non si curavano di essere tali – riflessioni sulla santità – dal libro Resuscitare di Christian Bobin » La santità non è affatto ciò che immaginiamo – Christian Bobin dal libro “Resuscitare” » PERCHÉ DA NOI IL CANTO È RIMEDIO di Christian Bobin » Vigilare sulla parte infantile della nostra vita – Christian Bobin dal libro Consumazione » L’amore funziona solo con la libertà – Christian Bobin dal libro Consumazione » Nessun piano, nessun metodo » La letteratura eterna » crescere – col canto e con l’amore » È a queste tavole che mangio meglio – Christian Bobin – Autoritratto al radiatore » Cerco la grande dolcezza – Christian Bobin – Resuscitare » 16 Aprile 1996 – Christian Bobin – Autoritratto al radiatore » 15 Aprile 1996 – Io non vivo tutto il tempo – Christian Bobin da “Autoritratto al radiatore” » 14 Aprile 1996 – Mio Dio, perché hai inventato la morte? – Christian Bobin da “Autoritratto al radiatore” » 11 Aprile 1996 – il cielo è un cortile di ricreazione – Autoritratto al radiatore – Christian Bobin » 10 Aprile 1996 – Non bisogna donare il proprio cuore ai fantasmi – Bobin – Autoritratto » 9 Aprile 1996 – Ciò che crea un evento è ciò che è vivo – da Autoritratto al radiatore di Christian Bobin » 8 Aprile 1996 – L’allegria è il minuscolo e l’imprevedibile – da Autoritratto – Christian Bobin » 8 Aprile 1996 – Cerco sin dal risveglio… (frammenti da Autoritratto al radiatore di Christian Bobin) » 7 Aprile 1996 – Sono diventato scrittore per disporre di un tempo puro… da Autoritratto al radiatore di Christian Bobin » 7 Aprile 1996 (20 anni fa) – Aspetto. Ho aspettato tutta la vita – Christian Bobin – da Autoritratto al radiatore »
Articolo precedente PERCHÉ DA NOI IL CANTO È RIMEDIO di Christian Bobin
Prossimo articolo FARE ANIMA in educazione - Pisa 24 -25 Settembre 2016