Sforzarsi senza tregua di pensare a chi ti sta davanti, prestargli un’attenzione reale, costante, non dimenticarsi un secondo che colui o colei con cui tu parli viene da un altro luogo, che i suoi gusti, le sue idee e i suoi gesti sono stati plasmati da una lunga storia, popolata di molte cose e di altre persone che tu non conoscerai mai. Ricordarsi in continuazione che colui o colei che guardi non ti deve nulla, non e` una parte del tuo mondo, non c’e` nessuno nel tuo mondo, neppure tu. Questo esercizio mentale – che mobilita il pensiero e anche l’immaginazione – e` un po’ duro, ma ti conduce al piu` grande godimento che ci sia: amare colui o colei che ti sta davanti, amarlo per quello che e`, un enigma – e non per quello che credi, per quello che temi, per quello che speri, per quello che ti aspetti, per quello che cerchi, per quello che vuoi.

 

da "Autoritratto al radiatore" di Christian Bobin

Altro in questa categoria: Novità * LA VITA GRANDE di Christian Bobin » In uscita il nuovo libro di Christian Bobin “Più viva che mai” » Sforzarsi senza tregua… da Autoritratto al radiotare di Christian Bobin » Illumina ciò che ami senza toccarne l’ombra – Christian Bobin » Non so dove, non so da cosa o da chi, ma sono sicuro di essere atteso – Christian Bobin » Le sante che ho conosciuto non si curavano di essere tali – riflessioni sulla santità – dal libro Resuscitare di Christian Bobin » La santità non è affatto ciò che immaginiamo – Christian Bobin dal libro “Resuscitare” » “Posso rispondere soltanto alla presenza di me stesso” di Christian Bobin » PERCHÉ DA NOI IL CANTO È RIMEDIO di Christian Bobin » Vigilare sulla parte infantile della nostra vita – Christian Bobin dal libro Consumazione » L’amore funziona solo con la libertà – Christian Bobin dal libro Consumazione » Nessun piano, nessun metodo » La letteratura eterna » crescere – col canto e con l’amore » È a queste tavole che mangio meglio – Christian Bobin – Autoritratto al radiatore » Cerco la grande dolcezza – Christian Bobin – Resuscitare » 16 Aprile 1996 – Christian Bobin – Autoritratto al radiatore » 15 Aprile 1996 – Io non vivo tutto il tempo – Christian Bobin da “Autoritratto al radiatore” » 14 Aprile 1996 – Mio Dio, perché hai inventato la morte? – Christian Bobin da “Autoritratto al radiatore” » 11 Aprile 1996 – il cielo è un cortile di ricreazione – Autoritratto al radiatore – Christian Bobin » 10 Aprile 1996 – Non bisogna donare il proprio cuore ai fantasmi – Bobin – Autoritratto » 9 Aprile 1996 – Ciò che crea un evento è ciò che è vivo – da Autoritratto al radiatore di Christian Bobin » 8 Aprile 1996 – L’allegria è il minuscolo e l’imprevedibile – da Autoritratto – Christian Bobin » 8 Aprile 1996 – Cerco sin dal risveglio… (frammenti da Autoritratto al radiatore di Christian Bobin) » 7 Aprile 1996 – Sono diventato scrittore per disporre di un tempo puro… da Autoritratto al radiatore di Christian Bobin » 7 Aprile 1996 (20 anni fa) – Aspetto. Ho aspettato tutta la vita – Christian Bobin – da Autoritratto al radiatore »
Articolo precedente Non so dove, non so da cosa o da chi, ma sono sicuro di essere atteso - Christian Bobin
Prossimo articolo Almoraima al Babel Med Music 2017